mercoledì 25 settembre 2019

Pian delle Macinare...29 Settembre 2019

L'immagine può contenere: albero, pianta, spazio all'aperto e natura
Offroad o Onroad? Il Moto Club Mistostretto allarga i propri orizzonti. Nuove mete, nuove gite, nuove strade sono sempre benvenute. Figuriamoci nuove specialità!
Il 29 settembre scopriremo tutti insieme Pian delle Macinare, località della Valle del Riofreddo situata a 1.150 m.s.l.m e caratterizzata da distese di prati e boschi di faggi. Vi si potrà arrivare in due modi: chi rimarrà sempre su asfalto percorrerà la Flaminia, chi vorrà cimentarsi in un percorso offroad medio facile – affrontabile con le maxi enduro – dopo Gubbio percorrerà una strada differente.

Ma cominciamo dall’inizio: appuntamento al Centro Euclide (via Flaminia Nuova 834) alle 8.30. Cercheremo di non perdere tempo in modo da salire raggiungere temperature più fresche. La Flaminia ci porterà fino a Narni, dove svolteremo sull’Amerina. Pausa caffè ad Amelia e poi via verso Guardea e Baschi – tratto particolarmente ricco di curve – prima di toccare Orvieto e svoltare verso Todi passando accanto al Lago di Corbara. Giunti a Bosco, tutti verso Gubbio. Pochi chilometri più tardi, ci sarà la divisione temporanea dei gruppi OnRoad e Offroad, che si ritroveranno a Pian delle Macinare per il pranzo! Mattinata speciale, così come lo saranno il pranzo e il ritorno. Vi aspettiamo!

Gite: istruzioni per l'uso

Vogliamo viaggiare in sicurezza, quindi ognuno di noi deve tenere il proprio passo senza strafare ed evitando di raggiungere "quelli davanti" se non è in grado di farlo. Nella vita ci sono poche certezze, nel MC Mistostretto ne esiste invece più di qualcuna. Si chiamano prudenza, referente, staffette e scopa.

Prudenza: la conosciamo tutti, sappiamo chi è e quali sono i suoi limiti (che sono i nostri). Seguiamola sempre perché è la nostra miglior consigliera.

Referente: è la guida della gita. E' colui che la pensa creandone percorso e tappe e quindi è il motociclista che apre la strada in testa al gruppo. Unica indicazione: mai superarlo.

Staffette: quando siamo in tanti, sono i motociclisti che controllano il gruppo per tutta la sua lunghezza. Sono fondamentali agli incroci, dove si fermano per indicare la strada a chi è rimasto attardato e in generale a chi deve ancora arrivare. E’ necessario agevolare il loro passaggio e non accodarsi una volta passate.

Scopa: è il motociclista che chiude il gruppo, si ferma se qualcuno ha problemi o difficoltà. Insomma, sarà sempre il più lento per garantire che il gruppo rimanga unito.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!