lunedì 13 maggio 2019

“mai stare fermi”...giro tra Basilicata e Puglia ,,Uccio Conte

Uccio Conte per WolflandRoad
Per il mio motto “mai stare fermi”, per il ponte del 25 aprile sino al 1 maggio, decido di partire con la mia Verdiana (per la cronaca la mia moto) per farmi un giro tra Basilicata e Puglia e incontrare degli amici pugliesi. La partenza non è delle migliori, in quanto dopo Catania prendo qualche goccia di acqua sporca di sabbia rossa. La moto era così pulita che subito non la riconosco, tuttavia dopo il traghettamento mi fermo per ammirare, come sempre, la mia Scilla e il borgo dei pescatori Chianalea. Qualche foto e riprendo a fare strada percorrendo la statale che costeggia il mare sino a Bagnara Calabra e immettermi in autostrada, dove, raggiunta Falerna, mi fermo per pranzare. Il tempo di un panino e una birretta e riprendo il viaggetto sino a percorrere la ionica verso Taranto e fermarmi un attimo al Castello di Roseto. Prenoto una camera in un agriturismo, doccia, cena e a dormire. L’indomani ho appuntamento a Matera con gli amici di Brindisi, una coppia simpatica che ho conosciuto l’anno scorso all’Adunanza Triumph in Sicilia, e di cui non mi separerò più. Inizia con loro un bel giro visitando Matera, poi il paese fantasma di Craco (che già avevo visto un paio di anni prima), le cascate dei capelli di Venere, strade panoramiche del Parco Nazionale del Cilento e Valle del Diano, percorro la bellissima strada Sapri-Maratea, visita alle grotte di Castellana e Alberobello (anche queste visitate anni prima), Polignano a mare, l’Abbazia di Santa Maria a Cerrate, la grotta della Poesia (anche questa rivisitata?, i faraglioni di S. Andrea, un gelatino a Lecce e, purtroppo i giorni sono finiti, riprendo la strada del ritorno passando da Tropea per un pranzetto veloce e mi imbatto pure, strada facendo in un acquedotto romano. Giornate intense ma ricche di strade e posti da visitare, in bella compagnia tranquilla e allegra dei miei amici brindisini. Sono stato bene con loro, che tra l’altro mi hanno ospitato a casa loro per tre notti (Brindisi è stata una bella scoperta per me, una cittadina fine ed elegante) e di questo li ringrazio di cuore, oltre al fatto che ci siamo divertiti insieme. Che dire, spero di rivederli presto mentre per me, tra un mese, mi aspetta una bella avventura in moto che più in la vi dirò. Al prossimo mio giro e al prossimo mio racconto e a voi qualche foto.





































Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!