sabato 17 novembre 2018

Monte Peglia...18 Novembre 2018

L'immagine può contenere: cielo, albero, oceano, montagna, pianta, spazio all'aperto, natura e acqua
Torniamo al Monte Peglia, in sella alle nostre moto! Lo faremo il 18 novembre, confidando in un meteo che a pochi giorni dall’appuntamento promette temperature abbastanza miti e strade asciutte.

Il percorso è quello classico, quello che regala sempre dei sorrisi sotto al casco. Appuntamento con il pieno già fatto alle 9.00 presso il Centro Euclide (Via Flaminia Nuova 834), dove speriamo di incontrare anche tanti nuovi motociclisti. Da lì percorreremo la Flaminia con la giusta andatura, ovvero stando attenti alle insidie che una strada può nascondere in autunno. Arriveremo ad Amelia per la prima pausa caffè/bagno poi ancora curve fino ad Orvieto, approfittando anche del divertente tratto Guardea–Baschi, che anticiperà il nostro arrivo a Orvieto Scalo. Arriveremo al Monte Peglia passando per la 1000 curve e per Colonnetta di Prodo. Insomma, strade di grande qualità!
Al ritorno “circumnavigheremo” il Lago di Corbara approfittando delle strade larghe e sinuose che lo costeggiano. Da lì, ancora Amerina e Flamina per rientrare a Roma…con il sorriso sotto il casco!
Gite: istruzioni per l'uso
Vogliamo viaggiare in sicurezza, quindi ognuno di noi deve tenere il proprio passo senza strafare evitando di raggiungere "quelli davanti" se non è in grado di farlo. Nella vita ci sono poche certezze, nel MC Mistostretto ne esiste invece più di qualcuna. Si chiamano prudenza, referente, staffetta e scopa.
Prudenza: la conosciamo tutti, sappiamo chi è e quali sono i suoi limiti (che sono i nostri). Seguiamola sempre perché è la nostra miglior consigliera.
Referente: è la guida della gita. E' colui che la pensa creandone percorso e tappe e quindi è il motociclista che apre la strada in testa al gruppo. Unica indicazione: mai superarlo.
Staffette: quando siamo in tanti, sono i motociclisti che controllano il gruppo per tutta la sua lunghezza. Sono fondamentali agli incroci, dove si fermano per indicare la strada a chi è rimasto attardato e in generale a chi deve ancora arrivare.
Scopa: è il motociclista che chiude il gruppo, si ferma se qualcuno ha problemi o difficoltà. Insomma, sarà sempre il più lento per garantire che il gruppo rimanga unito.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!