venerdì 27 luglio 2018

Firenze 15 luglio 2018 ore 6:30 La nostra seconda invasione parte da qui.

Silenia Ventroni Collaboratrice WolflandRoad
Firenze 15 luglio 2018 ore 6:30 La nostra seconda invasione parte da qui. Christian Bucci è il nostro referente regionale per i biker invasori come per Visso e Ussita.
Dopo una colazione veloce e l'arrivo della bandiera dei DNA gruppo di appartenenza di Christian e con il quale sono gemellata come DesmoLadies si parte. Siamo una 15 anche questa volta. Alcuni sono alla prima invasione altri invece sono alla seconda come me. Il viaggio prosegue tranquillo la giornata è fresca e siamo tutti sereni ed emozionati.


Un pó pensierosi solo perché nn sappiamo cosa troveremo ad Amatrice. Arriviamo ad Arezzo prima, per unirsi un altro ragazzo e poi a Perugia per lo scambio tra Christian e il referente regionale Umbro che ci guiderà fino a pochi km da Amatrice dove aspetteremo il gruppo che ci porterà direttamente lì, formato dai biker invasori e dal resto delle persone che si sono unite per l'invasione.


I paesaggi che ci circondano sono meravigliosi siamo nella zona di Norcia, il verde è ovunque panorami che fanno perdere la cognizione del tempo. Osserviamo attenti ma rimaniamo concentrati sulla strada. Il caldo inizia a farsi sentire ma ancora si resiste. Facciamo alcune soste per riposarci e fare il punto è si prosegue. Arriviamo verso Amatrice ma nn li intorno alle 12 ci sono tantissimi biker di tutte le parti d'Italia.


Si respira allegria, solidarietà, entusiasmo ma anche tanto rispetto nell'attesa di entrare in un paese devastato completamente dal terremoto. Arriva il gruppo da Roma dei biker invasori ci uniamo e si prosegue ordinati e responsabili. Stiamo per arrivare ad Amatrice l'atmosfera cambia inizia un silenzio e nonostante il rombo delle nostre moto sembriamo entrare in punta di piedi. Appena arrivati ad Amatrice ci accoglie un varco di filo spinato e militari presenti lì per aiutare ancora i cittadini di Amatrice.


Il silenzio si fa ancora più sentire, in segno di rispetto per queste persone nessuno suona, sgasa o fa casino. Nonostante la gente ci accoglie con grandi saluti rimaniamo rispettosi per il grande dramma. Mentre ci avviamo al parcheggio organizzato per accogliere le tantissime moto mi guardo intorno.... Si la TV ha mostrato tante immagini ma vedere di persona è un' altra cosa. Il cuore mi si riempie di dolore le lacrime arrivano cerco di tenere duro per nn scoppiare a piangere.... Case completamente rase al suolo, villette che nn esistono più ma rimane la recinzione e il rosetto che nonostante tutto è riuscito a far sbocciare le sue rose in mezzo alle macerie quasi a dire "nonostante tutto ci rialzeremo". Proseguiamo si intravede la chiesa e poi si fa sempre più vicina. La tristezza avvolge tutti.


Sulla strada si vede una bellissima struttura leggiamo fosse una casa di cura, completamente devastata il pensiero è come hanno fatto a portare fuori tutti quegli anziani? Scuole distrutte, uffici che nn esistono più. Ciò che vediamo è veramente terribile. Ci fanno parcheggiare in un grande spazio da dove si accede a dei prefabbricati adibiti ad uffici e dove si trovano i giardini con tantissimi giochi per bambini e il monumento che ricorda le tantissime vittime 230 se nn ricordo male. Ci avviamo verso la zona del pranzo e intanto continuiamo a guardarci attorno si inizia a vedere la ricostruzione di piccole case e di strutture come panifici e negozi. Arriviamo ad un grande piazzale dove gli organizzatori i biker invasori hanno preparato i tendoni per mangiare, menù: pasta alla amatriciana, panino con porchetta, vino e acqua. Ci alterniamo ai tavoli con ordine e tranquillità accompagnati da un gruppo musicale che suona per noi.


La tensione si scioglie e iniziamo a rilassarci un pò. Dopo aver ritirato la maglietta ricordo e dopo aver mangiato facciamo una passeggiata. Siamo davvero tantissimi si stima 1000 moto più molti nn registrati e unitisi all'ultimo momento...Dopo due chiacchiere siamo pronti per ripartire. Salutiamo Amatrice con l'augurio di riuscire a rivederla più bella di prima e soprattutto ricostruita per bene... Mi porto a casa la consapevolezza di quanto poco lo stato ha fatto per aiutare queste persone che a fatica ma dignitosamente cercano di andare avanti.... Grazie ai biker invasori per tutto quello che fanno ogni anno per queste popolazioni felice di aver contribuito nel mio piccolo. Ventroni Silenia DesmoLadies per WolflandRoad..

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!