venerdì 23 marzo 2018

Pienza...25 Marzo 2018


Pienza: la città ideale…per una gita ideale. La località in provincia di Siena è uno dei migliori esempi dell’architettura rinascimentale nonché uno dei pochi progetti di Città Ideale (appunto) che abbia trovato attuazione. Abbiamo la fortuna di averlo a poche ore di moto da Roma e tornarci ogni hanno è un piacere per noi, per le nostre moto e per la nostra…cultura!
APPUNTAMENTO AL CENTRO EUCLIDE (VIA FLAMINIA NUOVA 834) ALLE 9,30. Nel luogo che prende il nome da Papa Pio II giungeremo tramite la Flaminia e l’Amerina prima di arrivare ad Orvieto. Un percorso classico per le gite a nord della capitale e che, soprattutto, non delude mai! Approdati in Umbria saremo ad appena un quarto del tragitto. Proseguiremo s


ulla curvosissima SS71 per arrivare a Città della Pieve e oltrepassare il confine Umbria –Toscana all’altezza di Chiusi. A quel punto il pranzo sarà sempre più vicino e sarà imminente quando da Acquaviva gireremo sulla sinistra verso Montepulciano e Pienza.Pausa meritata e, se lo vorremo, breve giro nella piazza centrale presente su tutti i libri di storia dell’arte. Successivamente, per soddisfare ancora la nostra voglia di moto, fari puntati verso San Quirico d’Orcia prima di imboccare la Cassia Bis. La statale ci farà rientrare nel Lazio dopo Radicofani e ci regalerà ancora splendidi paesaggi tra Acquapendente, Bolsena e Viterbo. A Roma arriveremo in serata dopo aver inclinato le moto a destra e sinistra su delle strade ideali per trascorrere una splendida domenica in moto e…in compagnia!

Gite: istruzioni per l'uso
Vogliamo viaggiare in sicurezza, quindi ognuno di noi deve tenere il proprio passo senza strafare ed evitando di raggiungere "quelli davanti" se non è in grado di farlo. Nella vita ci sono poche certezze, nel MC Mistostretto ne esiste invece più di qualcuna. Si chiamano prudenza, referente, staffette e scopa.
Prudenza: la conosciamo tutti, sappiamo chi è e quali sono i suoi limiti (che sono i nostri). Seguiamola sempre perché è la nostra miglior consigliera.
Referente: è la guida della gita. E' colui che la pensa creandone percorso e tappe e quindi è il motociclista che apre la strada in testa al gruppo. Unica indicazione: mai superarlo.
Staffette: quando siamo in tanti, sono i motociclisti che controllano il gruppo per tutta la sua lunghezza. Sono fondamentali agli incroci, dove si fermano per indicare la strada a chi è rimasto attardato e in generale a chi deve ancora arrivare. E’ necessario agevolare il loro passaggio e non accodarsi una volta passate.
Scopa: è il motociclista che chiude il gruppo, si ferma se qualcuno ha problemi o difficoltà. Insomma, sarà sempre il più lento per garantire che il gruppo rimanga unito.
Torna alla Home Page di Wolfland



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!