sabato 6 maggio 2017

Alla conquista del Dordona e del San Marco



Alla conquista del Dordona e del San Marco

Scritto da: Francesco Schiapputer Roberti per Wolfland
 
Questa volta parliamo di un’impresa soft/fuoristradistica che comporta lo scollinamento di 2 passi alpini con partenza e arrivo da Bergamo, compiuta col fido vanvan 125, compagno di tanti elefantentreffen e di 1000 avventure.



Il Dordona e’ un passo che divide la val Brembana (Foppolo) dalla Valtellina (Fusine). Comprende uno sterrato di 17 chilometri di cui i primi 2 in salita da Foppolo abbastanza sconnessi e impegnativi, specie se ha piovuto da poco.







Ci inerpichiamo spesso stando in piedi sulle pedane per salvaguardare la schiena sulla ripida mulattiera che parte da Foppolo.

Arrivati al passo incontriamo la guardia che controlla il permesso (la strada e’ a pagamento). Comunque merita...i panorami son spettacolari






Ogni tanto incontriamo vitelli al pascolo.






Sul passo (altra linea del fronte della prima guerra mondiale fortunatamente mai sfiorata dal conflitto) si incontrano trincee e casematte.







Poi arrivati al rifugio Dordona uno spuntino e’ d’obbligo osservando le cime circostanti. E si inizia a scendere verso Fusine.







La discesa lungo la Val Madre verso Fusine invece non comporta particolari difficolta’.





Una volta giunti al fondo valle in valtellina si volta a ovest verso Morbegno dove inizia la strada asfaltata e piuttosto stretta che conduce al passo San Marco,





eccomi al passo








molto utilizzato nel passato per il commercio tra la repubblica veneta e il cantone dei Grigioni (la famosa via priula). Anche qui i panorami sono meritevoli, e scendendo la val Brembana si raggiunge Bergamo dove finisce il circuito. 
Alla prossima!!
Scritto da: Francesco Schiapputer Roberti per Wolfland


Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!