domenica 5 marzo 2017

La Moto che non puo Cadere


Di Jovan Stradeinmoto per Wolfland
Ma ci avete mai pensato? La Motocicletta esiste da appena un secolo, e già si percepiscono
chiaramente i segni di un imminente cambiamento, radicale, definitivo. Come la intendiamo noi,

presto non esisterà più. Dunque 100, 150 anni di esistenza ... un battito di ciglia in confronto alla storia dell’uomo, appena un fotogramma nella cronologia dei suoi progressi tecnologici.
E allora questo nostro nostro mondo di centauri pazzamente, perdutamente innamorati sfumerà nelle nebbie del tempo e sarà dimenticato. Certo, è da non crederci. Migliaia di raduni di bikers certi
di condividere qualcosa di solido, di granitico, un valore. Milioni di chilometri snocciolati per le strade del mondo, per imparare, per conoscere, per fare amicizia. Miliardi di ore trascorse a pensare a come essere unici tra simili. Abiti, abitudini, mode, sacrifici economici, il sole e la pioggia, confidenze tra perfetti sconosciuti, la neve e il ghiaccio e il freddo, i clubs, cibi, albe, tramonti,
l’elettronica, le notti all’addiaccio, la libertà e la fuga, alberghi, quello che non c’è non si rompe, amici, avventure, culture e subculture, velocità, resistenza, paesi, prestazioni assolute, condivisione, guasti meccanici, liti, limiti -forse personali- motori truccati, affrontare l’inverno e sentirsi forti ma
in fondo aspettare l’estate, il vintage, la ipersport, il custom, il bagaglio perfetto, one man one bag, l’ingegneria e il fil di ferro, qualcuno ha cuccato, qualcun altro si è sposato, o magari separato, l’iniezione e il carburatore, la fratellanza, il rispetto, il riconoscersi, i viaggi, le corse con se stessi e
con gli altri e quelle degli altri. La banale intuizione di piazzare un motore a scoppio in mezzo a due ruote è stata il big bang di un vero universo, concreto, toccabile. Eppure destinato inesorabilmente a declinare, come tutte le cose dell’uomo, con buona pace di chi crede di avere inventato la moto che
non può cadere. Carpe Diem.
Jovan Stradeinmoto
seguici su: www.wolfland.it 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta questo articolo!!!!